Seleziona una pagina
Miglior Misuratore di Pressione 2019

Miglior Misuratore di Pressione 2019

I Migliori Modelli → Guida all'Acquisto → Confronto Prezzi

Quale Misuratore di Pressione Comprare? Ecco la Classifica di Settembre 2019.

Guida all'acquisto - Misuratore di Pressione

Guida all'Acquisto

Quale tipologia scegliere di
Misuratore di Pressione?

Offerte del Giorno su alcuni modelli di Misuratore di Pressione

Oggi in Offerta

Offerte del Giorno su 3 modelli di
Misuratore di Pressione

Migliori Misuratori di Pressione Digitali da Braccio

Questi sono i migliori 3 misuratori di pressione digitali da braccio che abbiamo messo a confronto. I misuratori di pressione da braccio sono indubbiamente i più consigliati per la loro precisione di misurazione e affidabilità.

1. Migliore di Fascia Alta

94%

punteggio

OMRON EVOLV


OMRON EVOLV - Recensione
I Migliori Prezzi Online
Tipologiada braccio
Battito cardiacosi
Compressoreintegrato nel bracciale
Bluetoothsi
Memoria100 misurazioni

2. Migliore Qualità Prezzo

88%

punteggio

OMRON M7 Intelli IT


OMRON M7 Intelli IT - Recensione
I Migliori Prezzi Online
Tipologiada braccio
Battito cardiacosi
Compressoreseparato dal bracciale
Bluetoothsi
Memoria2 x 100 misurazioni

3. Migliore Economico

76%

punteggio

HYLOGY MD-H8


HYLOGY MD-H8 - Recensione
I Migliori Prezzi Online
Tipologiada braccio
Battito cardiacosi
Compressoreseparato dal bracciale
Bluetoothno
Memoria2 x 90 misurazioni

Migliori Misuratori di Pressione Digitali da Polso

Questi sono i migliori 3 misuratori di pressione digitali da polso che abbiamo selezionato e messo a confronto. I misuratori di pressione da polso sono molto consigliati per la loro praticità di utilizzo e compattezza.

1. Migliore di Fascia Alta

84%

punteggio

OMRON RS7 Intelli IT


OMRON RS7 Intelli IT - Recensione
I Migliori Prezzi Online
Tipologiada polso
Battito cardiacosi
Bluetoothsi
Memoria2 x 100 misurazioni
Custodiasi

2. Migliore Qualità Prezzo

78%

punteggio

OMRON RS3 Intelli IT


OMRON RS3 Intelli IT - Recensione
I Migliori Prezzi Online
Tipologiada polso
Battito cardiacosi
Bluetoothsi
Memoria30 misurazioni
Custodiasi

3. Migliore Economico

72%

punteggio

OMRON RS1


OMRON RS1 - Recensione
I Migliori Prezzi Online
Tipologiada polso
Battito cardiacosi
Bluetoothno
Memoria1 misurazione
Custodiasi

Migliori Sfigmomanometri Aneroidi

Questi sono i migliori 3 misuratori di pressione meccanici da braccio (anche detti sfigmomanometri aneroidi) che abbiamo messo a confronto. In genere sono meno pratici ma vengono utilizzati in ambito professionale per la loro maggiore precisione.

1. Migliore di Fascia Alta

93%

punteggio

ERKA Perfect Aneroid 48


ERKA Perfect Aneroid 48 - Recensione
I Migliori Prezzi Online
Tipologiameccanico
Manometro (mm)48
Diametro bracciale (cm)27 – 35
Tubodoppio
Custodiasi

2. Migliore Qualità Prezzo

85%

punteggio

Riester 1362 precisa N


Riester 1362 precisa N - Recensione
I Migliori Prezzi Online
Tipologiameccanico
Manometro (mm)64
Diametro bracciale (cm)24 – 32
Tubosingolo
Custodiasi

3. Migliore Economico

71%

punteggio

AIESI Doctor Aneroid


AIESI Doctor Aneroid - Recensione
I Migliori Prezzi Online
Tipologiameccanico
Manometro (mm)65
Diametro bracciale (cm)25,4 – 40,6
Tubosingolo
Custodiasi

Le Migliori 3 Offerte di OGGI su Amazon

Questi sono i 3 modelli di Misuratore di Pressione con il Migliore Sconto di OGGI su Amazon. Le Offerte possono variare ogni giorno, quindi approfittane prima che scadano.

Misuratore di Pressione | Guida all'Acquisto

Come scegliere il giusto modello di Misuratore di Pressione? In questa guida all'acquisto, vi aiuteremo a capire quali caratteristiche deve avere un buon modello di Misuratore di Pressione e le principali differenze tra le varie tipologie.

1. Perché acquistare un misuratore di pressione?


Misurare la pressione arteriosa è importante

 

La pressione arteriosa è uno dei dati più significativi per stabilire il buon stato di salute di una persona; chiunque dovrebbe preoccuparsi della sua misurazione con regolarità, ma in alcuni casi diventa una necessità quotidiana.

Tutti coloro che soffrono di patologie cardiovascolari oppure hanno problemi di ipertensione, devono monitorare con particolare attenzione la pressione sanguigna.

Molti anni fa, l’unica soluzione era rivolgersi al medico di famiglia oppure recarsi in una farmacia, oggi per fortuna la tecnologia mette a disposizione apparecchi di uso domestico: gli sfigmomanometri che possono essere meccanici o digitali e nei paragrafi vedremo le differenze.

In commercio si possono trovare un’infinità di modelli e tanta abbondanza, non semplifica certo la scelta. Vista l’importanza di questo dispositivo, è opportuno avere le idee ben chiare su quali siano le principali caratteristiche che un buon misuratore di pressione deve avere.

In questa guida, vi aiuteremo passo passo a capire quale misuratore di pressione scegliere in base alle vostre esigenze, analizzando le principali differenze tra le varie tipologie d misuratori e tenendo in considerazione tutti i fattori più importanti e decisivi per una scelta migliore.

2. Sfigmomanometro Manuale


Sfigmomanometro Manuale (o meccanico)

 

Lo strumento utilizzato dai medici, sfrutta un meccanismo con una pompa manuale e la misurazione è di tipo analogica. Il suo utilizzo non è affatto semplice, come si potrebbe immaginare, ed è necessario un buon livello di conoscenza e di manualità.

La misurazione comprende il solo valore della pressione arteriosa massima e minima; oltretutto deve essere effettuata, non direttamente dal soggetto, ma da una persona con le dovute capacità, per essere certi che i valori rilevati siano attendibili.

Il vantaggio di questo sistema è l’alto livello di precisione e il non dover dipendere da una forma di alimentazione (batterie usa e getta o ricaricabili).

Esistono essenzialmente due tipologie di sfigmomanometri manuali, vediamoli insieme.

A. Sfigmomanometro Aneroide

Sfigmomanometro manuale aneroide

 

Si tratta del modello più diffuso in ambito professionale, ospedaliero e ambulatoriale. Questo tipo di sfigmomanometro, conosciuto per la sua elevata precisione, è composto essenzialmente da un manicotto con camera d’aria (da “allacciare” al braccio), una pompetta manuale (con valvola metallica a vite) per gonfiare il manicotto (collegato tramite tubo in gomma) ed infine un manometro analogico con scala da 0 a 300 mmHg (millimetri di mercurio).

Con uno sfigmomanometro aneroide, si possono poi effettuare misurazioni in due modalità:

1) Misurazione con metodo auscultatorio: questo tipo di misurazione è la più completa e professionale e richiede, oltre allo sfigmomanometro, anche l’utilizzo di un fonendoscopio, grazie al quale, un professionista può rilevare sia la pressione sistolica, sia la pressione diastolica, per un monitoraggio più completo. Nel video seguente, potrete vedere un breve tutorial di come usare uno sfigmomanometro manuale con fonendoscopio:

 

 

2) Misurazione con metodo palpatorio: questo metodo è sicuramente il più semplice e in questo caso non sono necessari ulteriori strumenti ma è possibile misurare solo la pressione sistolica.

B. Sfigmomanometro al Mercurio

Sfigmomanometro manuale al mercurio

 

Si tratta di uno tra i primi sfigmomanometri manuali ad essere utilizzato in ambito professionale e alcuni professionisti del settore, lo usano ancora oggi. Ma se è un modello ormai di concezione obsoleta, perché c’è ancora chi lo utilizza? Perché a tutt’oggi, lo sfigmomanometro al mercurio è il misuratore di pressione arteriosa più preciso sul mercato.

Come si intuisce dal nome, questo sfigmomanometro fa uso di mercurio, esattamente come i termometri analogici e come ben sappiamo, il mercurio è una sostanza altamente tossica per il nostro organismo, quindi il suo impiego non è certo tra i più consigliati.

Come nello sfigmomanometro manuale aneroide, anche in questa tipologia, troviamo il classico manicotto con camera d’aria, collegato ad una pompetta con valvola per il gonfiaggio del manicotto, collegata a sua volta ad una colonnina contenente il mercurio, con accanto una scala graduata la quale indica i valori della pressione in mmHg.

3. Sfigmomanometro Elettronico


Sfigmomanometro Elettronico (o misuratore di pressione digitale)

 

Per rendere le cose molto più semplici e alla portata di tutti, sono stati creati gli sfigmomanometri elettronicimisuratori di pressione digitali. Sono dispositivi che semplificano notevolmente le operazioni, tanto da poter essere utilizzati, senza particolari problemi, anche da persone anziane.

Questi sfigmomanometri digitali, richiedono solamente l’inserimento del braccio, nel manicotto o il posizionamento di un piccolo manicotto attorno al polso (nel caso in cui si tratti di misuratore di pressione da polso), il bloccaggio attraverso delle apposite chiusure (generalmente a strappo), e l’avvio della misurazione pigiando semplicemente un pulsante.

L’utilizzo è davvero molto intuitivo, non serve alcuna esperienza in campo medico e basta solo avere l’accortezza di posizionare il bracciale in modo corretto e stringerlo al punto giusto (come indicato nelle istruzioni allegate).

Oltre ai valori della pressione massima e minima, attraverso il display LCD che contraddistingue questi dispositivi dagli sfigmomanometri meccanici, l’utente può visualizzare anche la frequenza cardiaca.

I modelli più innovativi, possono anche rilevare la presenza di battiti cardiaci irregolari (quindi eventuali aritmie) o memorizzare le misurazioni per poi collegarsi (tramite tecnologia bluetooth) al proprio smartphone, visualizzando eventuali grafici avanzati di valori medi giornalieri o settimanali.

Più avanti, vedremo anche quali altre funzioni interessanti è possibile trovare nei misuratori di pressione tecnologicamente più evoluti.

4. È meglio un misuratore di pressione da Braccio o da Polso?


Come abbiamo scritto nel precedente paragrafo, in commercio si possono trovare due tipologie di misuratori di pressione digitali: da braccio o da polso.

A. Misuratore di Pressione Digitale da Braccio

Misuratore di Pressione Digitale da Braccio

 

Uno sfigmomanometro digitale da braccio è costituito da un’unità principale (per il pompaggio dell’aria) che andrà posizionata su un piano stabile e collegata, tramite un tubicino (in cui passa appunto l’aria), al manicotto o bracciale, da indossare quindi sul braccio.

Sull’unità esterna, di solito è presente un ampio display digitale, per visualizzare le varie misurazioni e un pannello di controllo estremamente semplificato per avviare la misurazione o spegnere il dispositivo. Nei modelli più avanzati, il display potrebbe anche essere touch screen.

Esistono anche misuratori da braccio che offrono la stessa praticità di un modello da polso: non dispongono quindi di alcuna pompa elettronica esterna collegata con il tubo, ma racchiudono tutti i componenti in un unico dispositivo “All in One” da stringere al braccio. Ne è un esempio l’ottimo OMRON EVOLV, un misuratore di pressione digitale molto all’avanguardia e in grado di restituire dei risultati precisi, affidabili e in modo estremamente pratico.

Infine, i vantaggi offerti dai misuratori da braccio, sono rappresentati da rilevazioni più precise rispetto a quelli da polso, dovute soprattutto alla maggiore stabilità del soggetto ma anche al punto (più idoneo) in cui viene rilevata la misurazione, ovvero il braccio.

B. Misuratore di Pressione Digitale da Polso

Misuratore di Pressione Digitale da Polso

 

Un misuratore di pressione da polso è invece costituito da un unico apparecchio, molto simile ad un grosso orologio, con dimensioni più o meno compatte a seconda dei modelli, dotato di un cinturino con una cinghia per poter stringere a dovere e fissare il dispositivo.

Indossando il dispositivo sul polso tuttavia, basta un semplice movimento durante la rilevazione, per compromettere l’attendibilità dei risultati.

L’aspetto più positivo di uno sfigmomanometro da polso, rimane comunque la massima praticità d’uso e trasportabilità, non avendo ingombranti unità esterne con tubi di collegamento.

Come scegliere dunque un misuratore di pressione in base alla tipologia?

Decidere tra un modello da braccio o da polso è solo una questione di utilizzo previsto. Se si vuole avere un dispositivo da poter impiegare in qualsiasi situazione, sia a casa che in altri luoghi, la tipologia da polso è senza dubbio una scelta ideale.

Nel caso invece le misurazioni avvengano comodamente seduti nella tranquillità delle mura domestiche, un modello da braccio è la soluzione migliore per precisione e numero di funzioni offerte.

5. Favorire sempre la Facilità d'uso e di Lettura


 

Un fattore molto importante è rappresentato dalla facilità con cui può essere utilizzato un misuratore di pressione. L’aspetto assume maggior valenza se rapportato al tipo di utenti cui è destinato l’apparecchio.

I principali utilizzatori sono gli anziani, generalmente poco avvezzi a maneggiare dispositivi elettronici. Quindi è fondamentale che uno sfigmomanometro sia il più semplice possibile. Vediamo insieme quali sono le caratteristiche che incidono maggiormente su tale aspetto:

  • Qualità del display: lo schermo LCD deve essere il più ampio possibile, con caratteri di adeguate dimensioni e con un livello di luminosità tale da assicurare una chiara visualizzazione.
  • Comandi: i modelli più economici sono dotati di pulsanti, mentre dispositivi costosi hanno un touch screen che risulta molto più pratico.
  • Funzionamento automatico: per rilevare la pressione arteriosa è sufficiente inserire il manicotto sul braccio o il misuratore sul polso e selezionare avvio.
  • Guida vocale: è una funzione che si trova solo su modelli di un certo livello. Si tratta di una voce che guida l’utente durante l’utilizzo e legge i risultati finali. Una soluzione ideale per persone molto anziane o con problemi alla vista.

6. Quali funzioni deve avere un buon Sfigmomanometro?


Un misuratore di pressione di buon livello è dotato di funzioni basilari che sono necessarie per rendere l’utilizzo rapido e semplice. Altre modalità possono essere definite degli optional che equipaggiano solo i modelli più prestazionali.

Anche per questo tipo di dispositivo, si può dire che valga la regola che più alto è il numero di funzioni e maggiore sarà il costo finale. Spesso però un considerevole esborso di denaro è giustificato dalla necessità di poter disporre di determinate caratteristiche.

Vediamo di seguito quali sono le principali funzioni che caratterizzano sia uno sfigmomanometro da polso, sia uno da braccio:

  • Memorizzazione misurazioni: è una funzione basilare che non può mancare anche in un modello entry level. Permette di salvare le varie letture effettuate sia nell’arco della stessa giornata oppure in diversi giorni. Solo prodotti estremamente economici potrebbero essere sprovvisti di tale funzione. I misuratori più performanti permetto anche una gestione multiutente, particolarmente utile in una famiglia numerosa o quando si ha la necessità di monitorare la pressione arteriosa di più soggetti. Si possono trovare modelli con un minimo di venti memorizzazioni, salendo fino a sfigmomanometri in cui sono centinaia o quasi illimitate.
  • Spegnimento automatico: solitamente dopo pochi minuti di inutilizzo il dispositivo si spegne in modo da preservare la durata delle batterie.
  • Sveglia: molti dispositivi offrono la possibilità di impostare un allarme acustico per avvisare l’utente che è giunto il momento di effettuare la misurazione. È una funzione particolarmente importante per quelle persone che soffrono di determinate patologie e devono monitorare la pressione arteriosa ad intervalli regolari di tempo oppure in orari ben precisi.
  • Avviso errori: ogni apparecchio è dotato di una serie di codici d’errore indicati con lettere e numeri. Una loro comparsa sul display allerta l’utente che qualcosa non sta funzionando. Nel libretto delle istruzioni è presente una legenda che spiega, per ogni codice, la possibile problematica. Ad esempio, nel caso si indossa in modo non corretto il misuratore, appare sullo schermo un codice di avviso. In altre situazioni invece potrebbe trattarsi di un guasto.
  • Sensore di movimento: è presente nei modelli migliori ed indica all’utente l’eventuale movimento che potrebbe rendere imprecisa la misurazione. La segnalazione avviene con un simbolo lampeggiante sul display.
  • Battito cardiaco irregolare: alcuni dispositivi non solo rilevano la frequenza cardiaca, ma sono anche in grado di riconoscere e segnalare eventuali aritmie del cuore. Una funzione molto utile per tenere sotto controllo (almeno in parte) l’attività cardiaca.
  • Indicatore carica batteria: un misuratore di pressione per funzionare correttamente deve sempre avere batterie alla giusta carica. Un apposito segnalatore indica quando è giunto il momento di sostituirle oppure di ricaricare il dispositivo (nel caso in cui sia dotato di batterie ricaricabili).

7. Misuratori con connessione Wi-Fi: di cosa si tratta?


Misuratore di Pressione Wireless

 

La tecnologia ha coinvolto anche gli sfigmomanometri trasformandoli in dispositivi particolarmente intelligenti ed in grado di comunicare con un PC o qualsiasi dispositivo mobile (smartphone, tablet, ecc.).

Si tratta dei modelli di ultima generazione, sia da polso che da braccio, dotati di interfaccia per la connessione Wi-Fi (di solito Bluetooth) e con specifica app per poter gestire tutte le misurazioni direttamente dal telefono.

I dati eventualmente raccolti con questi dispositivi e visualizzabili tramite l’app dedicata (fornita dal produttore del misuratore di pressione) sul proprio smartphone, sono di immediato accesso e possono, per esempio, essere mostrati o trasmessi direttamente al proprio medico.

Altra particolarità di uno sfigmomanometro wireless è generalmente (non sempre) la presenza di una batteria ricaricabile agli ioni di litio che offre una lunghissima autonomia e tempi di ricarica molto rapidi.

8. Quali sono gli Accessori Principali?


Accessori di principali di uno Sfigmomanometro

 

Quest’aspetto non è di primaria importanza ma vale la pena spendere qualche parola per meglio indirizzare l’eventuale scelta di acquisto.

Avere un buon kit di accessori è sempre un valore aggiunto, che migliora la praticità e comodità d’uso. Lo sfigmomanometro per sua natura non è un dispositivo dotato di un gran numero di accessori.

Quello che si può trovare in dotazione è prima di tutto una custodia (possibilmente meglio sceglierla rigida) per poter riporre in modo ordinato l’apparecchio dopo l’utilizzo e proteggerlo da urti accidentali durante un eventuale trasporto.

In dispositivi che funzionano con batterie usa e getta, solitamente è presente una confezione di pile stilo. Alcuni modelli da braccio hanno in dotazione anche un alimentatore per collegare lo sfigmomanometro direttamente alla presa di corrente e nel caso in cui non fosse fornito in dotazione, vi consigliamo di acquistarne uno (facendo attenzione ad acquistarne uno compatibile con il vostro specifico modello).

È molto facile trovare anche una piccola agenda da utilizzare per segnare a mano tutte le misurazioni.

Infine, solo per i modelli da braccio, alcuni produttori possono fornire anche due manicotti di diversa misura per potersi adattare ad adulti, bambini o persone particolarmente magre.

9. Come posizionare correttamente un Misuratore di Pressione?


Quest’aspetto è da tenere in considerazione per capire come deve essere utilizzato correttamente un misuratore, ma soprattutto per avere risultati con un buon grado di precisione.

Ogni prodotto è dotato di libretto delle istruzioni in cui viene sempre spiegato con molta attenzione come e dove applicare il misuratore.

Per un modello da braccio ad esempio, è necessario infilare il braccio nel manicotto ma senza stringerlo troppo, ci deve passare almeno un dito.

Posizionare e stringere il manicotto intorno al braccio, lasciando un dito circa di spazio.

 

Accertarsi poi che il manicotto abbia coperto interamente il bicipite e che sia posizionato anche leggermente più in alto, lasciando circa un paio di cm di distanza dal gomito.

Distendere il braccio in modo rilassato con il manicotto che ricopre il bicipite e a un paio di cm di distanza dal gomito.

 

È importante poi distendere il braccio, mantenerlo rilassato, con il palmo rivolto verso l’alto e possibilmente all’altezza del cuore. Dopodiché, rimanete rilassati per circa 3 minuti e avviate una prima misurazione, pigiando l’apposito tasto. Eseguire almeno 3 misurazioni a distanza di 1 minuto circa e fate una media.

Mettersi comodi, portando il braccio all'altezza del cuore.

 

Per un misuratore da polso invece, l’operazione è molto più semplice e rapida: una volta posizionato, lasciando un paio di centimetri di distanza dal palmo della mano (rivolto sempre verso l’alto), basta alzare il braccio, portarlo all’altezza del cuore, (appoggiandolo possibilmente su un tavolino) e avviare la misurazione.

10. Quando misurare la pressione?


 

Scegliere il giusto momento in cui misurare la pressione è fondamentale e assolutamente da non sottovalutare, altrimenti rischierete di ottenere delle rilevazioni imprecise e quindi inutili per il vostro monitoraggio.

Normalmente, trovate tutto scritto nelle istruzioni del modello di sfigmomanometro che avete acquistato, ma in questo paragrafo cercheremo comunque di fornirvi dei consigli molto utili su quando misurare la pressione nell’arco della giornata.

Deve essere molto chiaro il fatto che per ottenere una corretta misurazione, quindi con valori il più vicino possibile a quelli reali, è necessario essere in condizioni di riposo e per almeno 5 minuti (anche 10 minuti) prima di eseguire una prima misurazione. Cercate poi di mettervi comodi e di non parlare o muovervi durante la misurazione.

Fatta questa piccola premessa, vediamo ora quali sono gli orari migliori in cui misurare la pressione.

  • La mattina: nelle ore mattutine, è bene misurare la pressione sanguigna assolutamente prima di fare colazione e prima di eventuali medicinali.
  • La sera: misurate la pressione prima di andare a letto

Per ottenere dei valori più precisi e reali, è consigliato eseguire almeno tre misurazioni di seguito a distanza di 1 / 2 minuti, per poi fare una media delle tre misurazioni ottenute. Il tutto, va ripetuto poi per almeno tre giorni consecutivi. Evitate dunque di misurare la pressione dopo i pasti, dopo aver assunto sostanze come caffeina, teina, alcol, dopo aver fumato, dopo aver fatto il bagno e dopo qualsiasi attività fisica. Prima di effettuare qualsiasi misurazione, dovete stare seduti (o semi-sdraiati) e soprattutto a riposo.

Ricordate che, anche se siete soggetti sani e non soffrite di particolari patologie, è sempre buona norma misurare la pressione, ma salvo indicazioni specifiche del vostro medico, non occorre misurarla tutti i giorni e per mesi, ma nel maggior parte dei casi, sarà sufficiente una misurazione di controllo ogni 6 mesi circa.

Noi vi consigliamo di misurare la pressione anche nei giorni precedenti ad un eventuale visita dal vostro medico di fiducia, in modo che possiate comunicargli i valori ottenuti e ottenerne un riscontro medico.

11. Quali sono i valori normali di pressione?


Giustamente ci si chiede spesso quali siano i giusti valori di pressione sanguigna o quantomeno un range di valori che si possa considerare nella norma.

Diciamo subito che, grazie ai moderni misuratori di pressione digitali, viene segnalato tramite una spia luminosa, se i valori rilevati siano nella norma (luce verde) oppure no (luce rossa). Detto questo, vediamo di seguito quali possono essere dei valori di pressione considerati “normali” e quali invece possono segnalarci una possibile ipertensione.

A. Valori Pressori Ottimali

Valori Pressori Ottimali

 

Come potete vedere dalla figura, i valori di pressione “ideali” sono indicativamente:

  • 80 → “pressione diastolica” (la minima)
  • 120 → “pressione sistolica” (la massima)

B. Valori Pressori Normali

Valori Pressori Normali

 

Possiamo invece considerare dei valori pressori “normali” quelli che rientrano nel seguente range:

  • 85 (o meno) → “pressione diastolica” (la minima)
  • 130 (o meno) → “pressione sistolica” (la massima)

C. Valori Pressori legati all’Ipertensione

Valori Pressori Alti (ipertensione)

 

Come avete visto, generalmente, si parla di “ipertensione” quando i valori di pressione superano le seguenti soglie:

  • 90 (e oltre) → “pressione diastolica” (la minima)
  • 140 (e oltre) → “pressione sistolica” (la massima)

Per chi non lo sapesse, l’ipertensione è la principale causa di “ictus”, per cui nel caso in cui doveste riscontrare valori di pressione così alti, rivolgetevi il prima possibile ad un medico.

Questi sono ovviamente dei “valori indicativi” per aiutarvi a capire, a grandi linee, in quale fascia rientrate. Tuttavia, se avete un’età particolare e volete avere informazioni più precise a riguardo, vi consigliamo caldamente di rivolgervi al vostro medico di fiducia e di lasciar stare altri articoli online in cui “finti esperti di settore” dicono la loro, creando solo una gran confusione.

Altri Modelli di Misuratore di Pressione

Qui sotto trovi gli altri modelli di Misuratore di Pressione che abbiamo confrontato e che potrebbero interessarti. Se desideri vederli tutti, clicca sul seguente link: → Misuratore di Pressione | Modelli

Domande e Risposte | Sceltaideale.it

Ti Serve Aiuto?

Non sai ancora Quale Misuratore di Pressione scegliere? Se hai bisogno di aiuto, puoi registrarti al nostro servizio di Domande e Risposte, lo staff di ✓sceltaideale.it ti aiuterà a scegliere il modello più adatto per le tue esigenze.

↑ Torna Su

al Menù Iniziale

↑ Torna Su

alle Offerte di Oggi

Già visto i 3 modelli OGGI in Offerta?
x
Search
Generic filters
Exact matches only
Search
Generic filters
Exact matches only